sabato 6 aprile 2013

Siamo a Istanbul


Eccoci qua. Siamo a Istanbul solo da un giorno ma ci sentiamo come se non l'avessimo mai lasciata.  Istanbul, ci ha accolti con alberi in fiore, profumi inebrianti di primavera e con una temperatura quasi estiva.  Sappiamo che non durerà molto, ma è un buon inizio.  Per i marinai, quando le condizioni sono perfette, la scaramanzia conta molto!
Purtroppo la nostra visita in questa città amata è solo transitoria, fra una settimana si prevede già la partenza per l'amata "figlia" Yakamoz, che pretende tutte le coccole e cure che le sono mancate in queste 4 mesi.  
Oggi dopo una breve passeggiata sulla costa Asiatica, ci siamo seduti a godere il sole, il mare e due çay (il tè) con due simit (ciambelloni al sesamo per cui andiamo pazzi) con la modica cifra di 5,50 Lire Turche (equivalente di 2,20 Euro!!!).  
L'impatto economico con la città è notevole, anche se veniamo dai modestissimi contesti Romani, il paragone non può reggere. A Roma dobbiamo fare i conti sul serio, qui invece si può scialare!!! E siamo nella città Turca più costosa, da adesso in poi la discesa...
Domani si prevede un incontro con gli amici Turchi e Italiani che si sono trasferiti qui. Le distanze sono enormi, perciò dobbiamo uscire non con troppa calma. Arriveremo al porto principale della costa asiatica che è Kadikoy, da li il Vapur (il battello) per arrivare a Besiktas, uno dei tre porti della parte Europea in soli 20 minuti. Poi un'altro bus per Taksim ed è fatta, in "sole" 2 ore abbracceremo i nostri cari.  Noi ormai siamo abituati a questi ritmi frenetici, alle rincorse dietro gli autobus o agli altri 100 metristi che corrono insieme a noi, per raggiungere i tornelli dei battelli 5 secondi prima che chiudano le porte.  Però quando raggiungiamo la nostra dimensione, cioè la casa galleggiante, non proviamo nessuna noia per i ritmi "pensionistici". Strano ma godiamo e basta, ogni fase della vita...



2 commenti:

  1. ma perché non l'edizione ebook? la comprerei subito, sono un senza fissa dimora (alias viaggiatore) e ogni chilo fa differenza... Attilio asiviero1 at gmail dot com

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao attilio, vedrai che a breve la troverai, ma credimi non dipende da noi bensì dall'editore che pensiamo debba percorrere una serie di step prima di metterlo online Comunque continua seguirci Ciao viaggiatore ;-) G&B

      Elimina